Versi appesi agli alberi del bosco

Carte a Nudo

Der-Garten-der-Lueste-Detail-10523-von-Hieronymus-Bosch-10523Allora la donna vide che l’albero era buono da mangiare, gradito agli occhi e desiderabile per acquistare saggezza; prese del suo frutto e ne mangiò, poi ne diede anche al marito, che era con lei, e anch’egli ne mangiò.

Allora si aprirono gli occhi di tutti e due e si accorsero di essere nudi; intrecciarono foglie di fico e se ne fecero cinture.

Genesi, cap. 3 vv 6 e 7

Perché dopo aver mangiato i frutti proibiti Adamo ed Eva perdono l’innocenza? Continua a leggere “Carte a Nudo”

+

Quei 30 euro ad immigrato

Vivere Veneto

Come la disinformazione manipola l’opinione pubblica

di Anna Iseppon

stuporeScrivo queste righe con la consapevolezza che susciteranno “scalpore” tra i lettori del nostro blog, ma con la serenità di chi ha cercato di documentarsi e di riflettere prima di aprir bocca.

Dì la verità: anche tu sei disgustato ed incazzato come una vipera perché ognuno di quei “tizi appena sbarcati” si porta a casa 30euro al giorno senza fatica, mentre tu arranchi per arrivare a fine mese con pensione o stipendio? Ebbene, forse è il caso che tu sappia che – per l’ennesima volta – ti stanno fregando! Ma non i profughi…

View original post 882 altre parole

Non vedermi come una Donna ma come un essere umano

ceefb9f3f504fc45f471b121a8e315a2Non vedermi come una donna.
Sono stanca di essere donna.
Sono stanca delle urla di condanna e dei canti di osanna rivolti alla disgraziata ferita tra le mie cosce. Non pensare che sono donna, perché quando pensi che sono una donna finisci sempre per limitarmi, per cacciarmi in un posto angusto non importa se di condanna o di santità. Che tu mi cacci nella fossa della donna fragile e sensibile, sottomessa e tutte le stronzate maschiliste con le quali siamo cresciuti oppure che mi metti nella teca della Dea Madre e tutte le sciocchezze sulla femminilità e la maternità, in entrambi i casi, mi limiti e questo limite mi
uccide. Continua a leggere “Non vedermi come una Donna ma come un essere umano”

+

Carte sul selciato

In questo momento molti bimbi stanno nascendo. Moltissimi altri bimbi stanno morendo, in ospedali, come grovigli di tubi per l’ossigeno e il nutrimento, altri per strada, nel fango e nella polvere, altri ancora a casa tra braccia amorevoli. Negli stessi ospedali, per le stesse strade, in molte altre case muoiono madri e padri, giovani e vecchi. Si ammalano molte persone e finiscono i loro giorni nella sofferenza. Altrettante coppie, nel mondo, Continua a leggere “Carte sul selciato”

+

Cambiare pelle

Elogio della Follia: l’essenza del Matto

Elogio della Follia, di Erasmo da Rotterdam è un testo fondamentale per comprendere l’idea di follia diffusa durante il Rinascimento periodo di nascita e diffusione dei Tarocchi.

Il Testo è molto diverso da quel che la pubblicità di un’auto di lusso ci fece credere molti anni fa (abbiate pazienza, per me è difficile distinguere le auto e non ricordo proprio quale fosse). Tanto per cominciare il testo aveva scopi satirici ed Erasmo lo compose in pochi giorni, Continua a leggere “Elogio della Follia: l’essenza del Matto”

Riflessioni libere…

Cosa sono i COMPLESSI (a tonalità affettiva) – Clinica e Psicopatologia dei complessi.

Un articolo molto interessante, perfettamente in linea con la carta del mese: Il Matto, personaggio multiforme dei Tarocchi

Jung Italia

Opera di Sam Jungkurth, Splitting Faces. Opera di Sam Jungkurth, Splitting Faces.

«Lo studio di Jung delle idee fisse di Janet lo portò alla scoperta dei complessi. Jung li immaginava come personalità frammentarie o frammenti di psiche, all’interno dei quali vi sono percezione, sentimento, volontà e intenzione, quando era presente un soggetto che pensa ed è orientato all’obiettivo. L’ego (Io) è solo un complesso tra molti e la coscienza è una conseguenza della capacità del’ego di appropriarsi di se stessi e di usare efficacemente e liberamente i complessi che già strutturano la propria esistenza.
Senza l’auto-riflessione dell’ego, i complessi funzionano in maniera automatica e hanno una qualità compulsiva (Brooke, 1991).
L’emozione e la motivazione sono incluse nel funzionamento dei complessi che operano come parti dissociate della mente.
Jung era certo che la “tonalità affettiva”, o emozione, tenesse assieme gruppi di memorie in un raggruppamento inconscio che è dissociato dal resto del funzionamento mentale…

View original post 2.634 altre parole

+

Il Matto, i miei giorni e l’ouroboros

torUccideMidgardsomen“0” il numero non-numero. Il Matto è l’unica carta del mazzo a non avere numero ma a essere contrassegnata da un cerchio che ricorda un altro famoso simbolo, l’uroboro, il serpente che si morde la coda.

Questo simbolo è presente praticamente in tutte le culture
del mondo con significati simili e, apparentemente, antitetici.

Il primo significato che molte culture gli hanno attribuito e che nell’esoterismo occidentale gli è stato confermato è quello Continua a leggere “Il Matto, i miei giorni e l’ouroboros”

Tarot Spritz album

Ormai lo sapete, ho un animo romantico e adoro le foto ricordo! Vi spetto ogni mercoledì al bar Civico2 a Mariano comense (CO), in via Padre Masciadri, 2.

 

Questo slideshow richiede JavaScript.

 

 

 

 

Per le meravigliose allieve della scuola di Cartomanzia!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: